Al momento stai visualizzando Forniture Energetiche
forniture energetiche e1668250759663

Forniture Energetiche

Bollette luce e gas 2023: cosa potrebbe succedere?

L’andamento delle bollette di luce e gas nel corso del 2023 dipenderà dall’andamento delle quotazioni delle materie prime energetiche sul mercato all’ingrosso.

Da gennaio 2023 si aggiornerà il prezzo in Tutela

Per le famiglie in regime di Maggior Tutela, invece, tra un paio di settimane arriverà un importante aggiornamento. Tra la fine del mese di dicembre e l’inizio di gennaio, infatti, ARERA comunicherà il nuovo prezzo dell’energia elettrica (per tutto il primo trimestre del 2023) ed il nuovo prezzo del gas (relativo al mese di dicembre in corso come previsto dal nuovo meccanismo introdotto ad ottobre).

L’aggiornamento dovrebbe prevedere un leggero calo del prezzo dell’energia elettrica che, attualmente, per i clienti in Tutela supera i 50 centesimi al kWh. Considerando il recente aumento del costo all’ingrosso, invece, per il gas dovrebbe arrivare un nuovo aumento, dopo quello già registrato nel passaggio dal mese di ottobre al mese di novembre. Per un quadro più preciso sarà necessario attendere le prossime settimane.

Cosa succederà sul Mercato Libero?

Il Mercato Libero e le sue offerte sono oramai legati a doppio filo all’andamento del mercato all’ingrosso. La maggior parte delle offerte, infatti, sono di tipo indicizzato, garantendo l’accesso diretto al prezzo del PUN per l’energia elettrica e del PSV per il gas naturale (PUN e PSV sono i due indici che regolano il mercato all’ingrosso italiano.

L’andamento degli indici all’ingrosso, che si aggiornano ogni mese, sarà fondamentale per valutare con precisione l’andamento dei prezzi al dettaglio. Considerando i recenti rincari, possiamo attenderci un ritocco verso l’alto dei prezzi a gennaio, rispetto alle quotazioni attuali. Ancora una volta, però, fare previsioni sul lungo periodo, in questo momento, diventa molto difficile.

Sarà necessario, quindi, monitorare l’andamento dei prezzi giorno per giorno e settimana per settimana per avere le idee chiare su quali saranno i costi effettivi dell’energia per le forniture del Mercato Libero nel corso dei prossimi mesi. Come vedremo, in ogni caso, per gli utenti c’è sempre la possibilità di accedere alle condizioni più vantaggiose possibili per massimizzare il risparmio.

Quali sono le contromisure contro la crisi energetiche previste dal Governo?

In attesa che l’UE definita una normativa sul tetto al prezzo del gas (maggiori dettagli, come detto, dovrebbero arrivare nel corso della prossima settimana), per gli utenti finali restano poche difese contro la crisi energetica. Il Governo italiano ha già definito alcuni aiuti per il primo trimestre del 2023 andando a rinnovare le misure già in essere.

In particolare, è previsto l’azzeramento degli oneri di sistema per luce e gas oltre al taglio dell’IVA sul gas al 5% per tutto il primo trimestre. Confermato anche il potenziamento dei Bonus Luce e Gas, con un bonus integrativo e con l’aumento del tetto ISEE che passerà da 12 mila a 15 mila euro (oppure 20 mila euro per le famiglie con almeno 4 figli). Per le aziende c’è il potenziamento del meccanismo del credito di imposta.